subscribe: Posts | Comments

Bitcoin futures. Istruzioni per l’uso.

0 comments

 

Da dicembre sono disponibili due contratti futures su bitcoin, uno trattato al CFE (CBOE Futures Exchange) e l’altro al CME (Chicago Mercantile Exchange).

Analizziamone caratteristiche e differenze.

Dimensione del contratto

La differenza principale è la dimensione del contratto: 1 bitcoin al CBOE e 5 bitcoin al CME. Questo fa del primo un prodotto più adatto ad un pubblico retail mentre gli investitori istituzionali si concentreranno probabilmente sul secondo.

Oscillazioni giornaliere dell’ordine del 20% non sono state infrequenti in quest’ultimo periodo e non sono da escludere in futuro, anche se la nascita di questi contratti favorirà probabilmente una maturazione del mercato. Qualora si ripetessero queste si tradurrebbero (ai prezzi attuali) in variazioni di 3/4 mila euro del valore di un contratto del CBOE e di 15/20 mila euro per un contratto del CME. La dimensione e la volatilità di quest’ultimo (insieme ai requisiti di margine che descriveremo tra poco), lo rende un po’ impegnativo per investitori non istituzionali.

Cash settlement

Entrambi i contratti prevedono un settlement in cash. Questo vuol dire non prevedono a scadenza la consegna fisica dei bitcoin sottostanti al contratto ma solo il regolamento della differenza in cash tra il prezzo di apertura del contratto e quello di chiusura.

Supponiamo di aver acquistato un contratto futures a 16000 e che il prezzo a scadenza sia 18000. L’acquirente non riceverà i bitcoin sottostanti ma solo la differenza in cash tra il prezzo di apertura e il prezzo a scadenza (2000 dollari).

Marginazione

Ogni contratto futures prevede due tipi di margini:

  • il margine iniziale – il margine che l’investitore deve depositare per iniziare un nuovo contratto
  • il margine di mantenimento – il margine minimo che deve essere mantenuto sul conto per tenere aperta una posizione in futures

Qualora i fondi scendano sotto al margine di mantenimento, all’investitore sarà richiesto (attraverso una cosiddetta margin call) di ripristinare i requisiti di margine fissati dal margine iniziale.

Il margine iniziale del CBOE XBT bitcoin futures è il 44% e il margine di mantenimento il 40% del prezzo di riferimento del giorno precedente. Il margine iniziale del CME BTC bitcoin futures è pari al 47% mentre il margine di mantenimento è pari al 43%.

Facciamo un esempio del meccanismo di funzionamento dei margini del bitcoin futures.

Per semplicità, utilizziamo il contratto del CBOE che ha per sottostante un solo bitcoin.

Supponiamo di aquistare 1 contratto futures al prezzo di 18000 dollari.

Valore del contratto = $18000 * 1 bitcoin = $18000

Margine iniziale = $18000 * 44% = $7920

Margine di mantenimento = $18000 * 40% = $7200

Supponiamo che il prezzo salga a 20000 dollari. L’investitore può lasciare la posizione aperta se si attende ulteriori rialzi o rivenderla sul monetizzando un profitto di 2000 dollari.

Consideriamo ora invece cosa succede se il prezzo scende a 15000 dollari.

L’investitore subisce una perdita di 3000 dollari che va a ridurre i fondi sul suo conto. I 7920 dollari di margine iniziale si riducono a 4920.

Sono ancora sufficienti a soddifare i requisiti di margine? Questi vanno ricalcolati sulla base del nuovo prezzo del contratto futures.

Il nuovo margine iniziale diventa $6600 ($15000 * 44%) e il nuovo margine di mantenimento $6000 ($15000 * 40%). Visto che la somma depositata sul conto ($4920) è ora inferiore al margine di mantenimento ($6000), sarà richiesto al trader di trasferire altri fondi per riportare il margine al livello del nuovo margine iniziale ($6600). Il trader dovrà provvedere a depositare $1680 ($6600-$4920) per poter continuare a tenere la posizione aperta.

I margini richiesti dalle borse a fronte del trading in bitcoin futures sono elevati rispetto agli altri contratti futures perché il bitcoin è considerato uno strumento molto rischioso (i margini sull’S&P futures sono intorno al 5%).

broker attraverso i quali si effettua l’operazione possono inoltre chiedere margini aggiuntivi ai loro clienti. L’approccio dei broker nei confronti del bitcoin è molto conservativo in questa prima fase. Alcuni richiedono margini sostanzialmente maggiori di quelli minimi fissati dalle borse mentre molti altri sono ancora alla finestra.

Leverage

I futures garantiscono un effetto leva in quanto l’ammontare impegnato in forma di margini è inferiore al valore nozionale del contratto, quindi la percentuale di profitto o di perdita, se calcolata rispetto al capitale effettivamente investito, risulta moltiplicata. Questo vale anche per i bitcoin futures anche se in forma ridotta rispetto agli altri futures a causa degli elevati requisiti di margine.

Supponiamo di acquistare 1 contratto futures a $18000. Se il valore del contratto sale a 19800 (+10%) questo corrisponderà ad un guadagno di 1800 dollari. Se però considero che il capitale effettivamente investito in termini di margine è 7920 dollari, il 10% di rialzo del prezzo del futures si tradurrà in un guadagno del 22.3% sul margine effettivamente investito (1800/7920).

Limiti di prezzo

Vista la volatilità del bitcoin, il CBOE ha previsto dei limiti per variazioni pari al 10% e al 20% rispetto al prezzo di settlement del giorno precedente. Il CME ha previsto dei limiti di prezzo soft per variazioni del 7% e del 13% (con sospensione delle contrattazioni di due minuti) e un limite hard per una variazione del 20%.

 

 

 

I contenuti di questo blog e le opinioni espresse non devono in nessun caso essere considerati come un invito all’investimento. Le analisi contenute nel sito non costituiscono mai una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsivoglia strumento finanziario.

I post hanno per oggetto analisi finanziarie e ricerca in materia di investimento. Qualora vengano espresse  delle raccomandazioni, queste hanno carattere generale, sono rivolte ad un pubblico indistinto e mancano dell’elemento della personalizzazione.

Sebbene frutto di approfondite analisi, le informazioni contenute nel blog possono contenere errori. Gli autori non possono in nessun caso essere ritenuti responsabili per eventuali scelte effettuate dai lettori sulla base di tali informazioni erronee. Chi decide di porre in essere una qualsiasi operazione finanziaria sulla base delle informazioni contenute nel sito lo fa assumendone la totale responsabilità.

Qualora i post rimandino ad altri siti, gli autori non potranno essere in nessun caso ritenuti responsabili per i contenuti presenti in tali siti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando ad usare questo sito accetti la legge sui cookies. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi