Reading Time: 1 minute

Come performano i fattori in presenza di diversi regimi di volatilità? Ora che la volatilità, negli scorsi anni artificiosamente depressa dalle politiche delle banche centrali, torna a caratterizzare i mercati, è lecito chiedersi quali fattori tendano a sovraperformare in situazioni di volatilità elevata e quali in condizioni di volatilità contenuta.

In una recente ricerca di MSCI, si evidenzia come nel periodo osservato (1990/2018), in condizioni di bassa volatilità siano stati i fattori pro-ciclici (momentum, size e value) a sovraperformare mentre in periodi di alta volatilità abbiano performato meglio i fattori più difensivi (quality, volatility, yield).

Se questo è abbastanza in linea con quanto era lecito attendersi, più interessante risulta l’osservazione secondo cui il momentum, generalmente considerato pro-ciclico, mostra un extra-rendimento positivo anche nei periodi di alta volatilità.

Il momentum è quindi l’unico fattore che tende a sovraperformare in entrambi i regimi di volatilità. 

 

Chi fosse interessato può trovare di seguito il link all’articolo completo.

Guillermo Cano (2019) “What market volatility has meant for factors“, www.msci.com

Continuando ad usare questo sito accetti la legge sui cookies. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi